giovedì 31 gennaio 2008

BULLDOZER"Lo chiamavano Bulldozer"
You can see the mountain here comes Bulldozer
you can see a cloud of fists and dust
it's quite clear why his name is just Bulldozer
it's enough to see him once again
where's he coming from
no one knows
and nobody would ask such a thing
no one knows
and nobody would ask such a thing.
You can see the mountain here comes Bulldozer
you can see a cloud of fists and dust
he won't be the first one to look for glory
but whenhe's involved he won't deny
where's he coming from
no one knows
and nobody would ask such a thing
no one knowsand
nobody would ask such a thing.
But for a man he's just a good boy
just a good boy with a heart of gold
who likes to go his own way
stay far away from the world
you can see a mountain here comes Bulldozer...
but for a man he's just a good boy...
you can see a mountain here comes Bulldozer...

Testo della cnzone"lo chiamavano Trinità(TRINITY)

TRINITY"Lo chiamavano trinità"
He's the guy who's the talk of the town,
with the restless gun,
don't shoot broad out to fool him around,
keeps the varmints on the run, boy
keeps the varmints on the run
You may think he's a sleepy tired guy,
always takes his time,
sure I know you'll be changing your mind,
when you've seen him use a gun, boy
when you've seen him use a gun
He's the top of the West,
always cool, he's the best
he keeps alive with his Colt 45
You weren't glad at your fooling him around
when you've seen him use a gun, boy
when you've seen him use a gun
He's the top of the West,
always cool, he's the best
he keeps alive with his Colt 45
Who's the guy who's reading into town,
in the prairie sun,
You weren't glad at your fooling him around
when you've seen him use his gun, boy
when you've seen him use his gun

Testo della canzone : Grau, Grau, Grau

GRAU, GRAU, GRAU"Io sto con gli ippopotami"
Watch out Mr. Lion don't bite me.
Shout down, if you wanna go free.
I'll hear when you call and I answer you all:
Grau Grau Grau.
Some people are'nt nice to lions.
Some people are'nt nice to hippos.
We better think twice let's try it be nice.
Grau Grau Grau
Man is wild and lions are wild,
that's what most people say.
But I have seen that malice king
and lions just like to play.
And I'm not drunk, it's not the sun,
that makes me feel this way.
But lions are mart and minor wild
and children just like to play.
So please Mr. Man don't shoot me.
Don't catch me, don't take me away.
It's here where I live, let's forget and forgive.
Grau Grau Grau

Testo della canzone Dune Buggy


DUNE BUGGY"Altrimenti ci arrabbiamo"
Come with me for fun in my buggy
Come along let's go for the hell of it
See the faces round they're all looking
Wonder if they'd like to come for a ride.
I'll bet you anything
Now she's with me
There 'll be no trouble
Troubles around
Bet they'll never ever get away
Never ever get away
Dune Buggy.
See the world spin round in dune buggy
String along let's scram far out off the ground
Never felt so good she's a beauty
Bet she is a sight for your pool old eyes.
I'll bet you anything
Boys on their bikes
Will have some trouble
Following us
Bet they'll never ever catch us up
Never ever catch us up
Dune Buggy.
I feel like a king in my buggy
Just the crown is missin' but that's all right
Come on people come on my buggy
Come and feel the power of a starry night..

Biografia di Bud Spencer e Terence Hill





Bud Spencer
Bud Spencer alias (Carlo Pedersoli) nasce a Napoli il 31 ottobre del 1929. La sua famiglia a causa della guerra non passa momenti felici.

Nel 1935 Carlo viene iscritto alle scuole elementari e solo due anni dopo diviene membro di un club di nuotatori vincendo alcuni trofei:

Nel 1940 trasferitisi a Roma i Pedersoli tentano di ricominciare una nuova vita.

Carlo frequenta la scuola ed allo stesso tempo continua con il nuoto.

Nel 1946 Carlo si iscrive all'Università di Roma, facoltà di Chimica, ma ben presto per motivi economici la famiglia parte per il Sud America.

Carlo non continua gli studi e lavora dove gli capita.

Nel 1948 Carlo torna in Italia e vince il campionato italiano di nuoto a rana, nel 1950 vince sui 100 metri stile libero e partecipa al suo primo film come comparsa ("Quo Vadis").

Nel 1952 partecipa alle Olimpiadi di Helsinki come nuotatore e giocatore di pallanuoto, passa i un periodo in USA e prende la laurea in Giurisprudenza.

Nel 1957 decide di tornare in Sud America, ma te anni dopo Carlo torna a Roma e si sposa con Maria Amato dalla quale un anno dopo ha il primo figlio Giuseppe e nel 1962 la seconda: Cristiana.

Nel 1967 viene proposto a Carlo di partecipare ad un film "Dio perdona... io no!".

Nel film trova Mario Girotti (Terence Hill) e cambia il nome in Bud Spencer.

Da quel lontano giorno Bud Spencer diventa una stella del cinema ricevendo premi e ottenendo grandi soddisfazioni professionali.

Terence Hill
Mario Girotti, in arte Terence Hill, nasce a Venezia il 23 marzo 1939. Nato da madre tedesca e padre italiano, trascorre l'infanzia in Germania, precisamente in Sassonia a Dresda,dove vive i tremendi bombardamenti degli alleati nella II Guerra Mondiale.

Mario viene notato per puro caso, durante un incontro di nuoto, dal regista italiano Dino Risi. Viene scritturato e debutta nel cinema in "Vacanze con il gangster" del 1951.

Da questo momento comincia a recitare per mantenersi agli studi, ma dopo tre anni di lettere classiche all'Università di Roma, decide di dedicarsi completamente al cinema.

È il 1963: Luchino Visconti lo vuole nel film "Il Gattopardo". Mario sceglie in una lista di quaranta nomi cinematografici quello di Terence Hill, e comincia una carriera piena di soddisfazioni.

Nel 1967, mentre gira "Dio perdona...io no" s'innamora e sposa una ragazza americana, Lori Hill.

L'intramontabile successo dell'attore, che da trent'anni vive nel Massachussets e fa anche il Produttore, è soprattutto legato ad alcuni titoli: "Lo chiamavano Trinità" (1971) ed il seguito "Continuavano a chiamarlo Trinità", "Altrimenti ci arrabbiamo" sempre girati con Bud Spencer.

Dopo parecchi anni d'assenza dalle scene italiane, torna sul piccolo schermo nel gennaio 2000, nei panni di un sacerdote investigatore, nella serie "Don Matteo".

mercoledì 30 gennaio 2008

Video Budterence

Breve video di: "Nati con la camicia"

Abbiamo deciso di inserire nel nostro blog questo video peso direttamente dal nostro dvd di:Nati con la camicia. Prossimamente aggiungeremo anche la coprtina di esso. Lo stile del film è cittadino. E' davvero esilarante. Ogni volta che lo guardiamo ci viene da ridere subito. Vi consigliamo di vedere questo video: merita! Restate con noi e ne vedrete veramente di cotte e di crude con Bud e Terence!!!

Vi presentiamo un video su Bud e Terence

Uno sceriffo extreterrestre: decisamente più extra che terrestre!

E' indescrivibile: lo dovete vedere!

martedì 29 gennaio 2008

Blogger, un programma fantastico e...GRATUITO!!!


Se siete aspiranti blogger e volete provare l'emozione di gestire un blog tutto vostro, allora non potete proprio perdervi Blogger, un programma firmato Google e soprattuttogratuiti, a nostro avviso il miglior programma via internet per creare blog, insieme a wordpress e myblog. La firma di Google non è poco, anzi è un grandissimo vantaggio per diritti ed obblighi dei lettori. Si possono mapplicare regole, insieme ad un'altra infinità di altre cose; è molto intuitivo ed è il nostro preferito. La cosa fantastica è che è GRATUITO!!! Per creare un blog basterà semplicemente dare la propria e-mail ed inventare una password. Dopodichè si potrà procedere con la creazione. Ragazzi, ammettiamolo, c'è qualcosa di meglio? Se siete bravi con il linguaggio html potrete anche dargli una grafica molto shick. Se non siete esperti non importa, si capisce molto facilmente tutto. Pensate che anche il nostro blog è stato creato con qesto servizio e modificato in l'html!!!

mercoledì 23 gennaio 2008

Copertina/cover: "Io sto con gli ippopotami"


Abbiamo deciso di acquistare la versione originale dell'esilarante film: Io sto con gli ippopotami. E' un film che parla di avventure in zone completamente diverse dal far west di Lo chiamavano trinità. Consigliamo la visione del film! E' veramente eccezionale, con i mitici Bud Spencer e Terence Hill!!!

mercoledì 16 gennaio 2008

lunedì 14 gennaio 2008

BudTerence



Vi ricordiamo che per accedere al nostro sito bisogna inserire nella barra degli indirizzi (quella in alto e molto lunga, a destra delle freccette avanti ed indietro) la scritta: budterencefe.blogspot.com, che significa Bud Terence Federation, tanto per rendere il nome più bello ed attraente. Ricordatevi tutto, mi raccomando!!! Se non ve lo ricordate, potete metterlo comunque in preferiti (il simbolo della stellina con un"+" davanti)!

mercoledì 9 gennaio 2008

copertina/cover dvd Lo chiamavano trinità



Abbiamo pensato che in un blog come si deve non possono mancare le covers dei dischi di cui stiamo parlendo, per cui vi abbiamo aggiunto la nostra copertina originale del film "Lo chiamavano Trinità, scannerizzata. Non è perfettamente dritta, per cui, se la volete utilizzare per il vostro DVD, la potrete comodamente ruotare, anche con paint.net, scaricabile da qui.


Intanto che scrivevamo il post, siamo anche riusciti a raddrizzare ed ad aumentare la qualità dell'immagine

martedì 8 gennaio 2008

Il nome account è stato trasformato in BudTerence





Abbiamo deciso di tramutare il nostro nome in BudTerence.


Questo anche per mostrare il nome del blog, che non si vede in


nessun campo. Speriamo che possa piacere anche a voi. Vi


ricordiamo che


abbiamo anche inserito la musica nei due iPod nani, con la possibilità


di fermarli, spingendo pausa. Continueremo a migliorare la grafica


del blog con Photoshop CS3 e forse, un giorno, creeremo anche un


gadget per la sidebar con accesso diretto al blog.

sabato 5 gennaio 2008

Intervista a Bud Spencer e Terence Hill - 2^ parte

Guardando i vostri film si notano molti volti ricorrenti…

Chi lavora nel cinema non ha certezze. Con noi era diverso perché avevamo successo e avevamo un po’ più di libertà nelle scelte, sebbene i produttori non volessero perché preferivano scegliere loro le maestranze. Noi abbiamo lavorato sempre con la stessa troupe di 12 stuntmen, gli stessi elettricisti, i macchinisti, i tecnici. Erano bravi, magari chiedevano un po’ di più, ma per noi era automatico chiamarli, perché altrimenti i film non sarebbero venuti fuori. Noi per esempio ci fidavamo ciecamente del nostro maestro d’armi, quello che oggi si chiama stunt coordinator. Giorgio Ubaldi. Era il migliore. Bud: E poi i cavalli: questo qui è fissato coi cavalli, prendeva sempre i migliori!

Poi a un certo punto avete iniziato anche a prendere le vostre strade, con la serie di Piedone per Bud e la carriera americana per Terence…

Ma non c’è stata divisione: quando non lavoravamo insieme facevamo altre cose. Un film dura tre mesi.E quando non lavoravamo insieme dovevamo lavorare per forza su altre cose. La divisione c’è stata quando abbiamo capito che era finito il nostro tempo.

Ma un progetto nel cassetto magari lo avete ancora…

Noi abbiamo sempre pensato di tornare insieme, ma si dice e finisce lì, perché dobbiamo considerare tanti fattori, dalla storia alle nostre condizioni fisiche e soprattutto a quello che il mercato richiede.Oggi i tempi sono cambiati.E poi i progetti non esistono. Io già da adulto mi sono iscritto a Chimica, Giurisprudenza e Sociologia, l’ultima per spronare mia figlia allo studio. Ragazzi, non fate mai programmi nella vita!

Per un certo periodo era circolata la voce che vi si potesse vedere in un Don Chisciotte diretti da Ermanno Olmi…

Sì, ma non avevano considerato che su Don Chisciotte non si può fare una satira, mentre noi dovevamo far ridere. Terence non ha neanche mai visto il copione, perché quando si arrivava al punto in cui i due protagonisti incontrano il mago Merlino che li catapultava nel 2000, allora la cosa non funzionava più. Dobbiamo ricordarci che il Cervantes e la sua opera possono essere paragonati a Dante per grandezza e francamente non era il caso di fare una cosa del genere.

(A cura di Alessandro De Simone e Federica Aliano)

Intervista a Bud Spencer e Terence hill

Quasi quarant’anni di carriera insieme, una serie impressionante di film di successo e di incassi da capogiro, in coppia e anche da soli. Impossibile non ricordare il poliziotto napoletano dal cuore d’oro Piedone, creato da Steno su misura per Bud Spencer, oppure le incursioni americane di Terence Hill come Mister Miliardo e Poliziotto Superpiù, fino al grande successo televisivo di Don Matteo. Segno che l’affetto nei confronti di queste due icone è rimasto immutato nel corso degli anni, ma merito anche di una professionalità davvero rara al giorno d’oggi e di una formula che non ha mai smesso di funzionare.

La vostra collaborazione inizia nel 1967 con Dio perdona, io no. Come avete fatto a mantenere vivo nel pubblico il desiderio di vedere i vostri film?

Ci siamo centellinati, abbiamo fatto un film insieme all’anno, nonostante distributore e produttore volessero che ne girassimo anche due o tre. Ma noi ce lo siamo detto subito: se vogliamo durare, non possiamo bruciarci.
E quando non lavoravamo insieme… facevamo i film per cavoli nostri.

Ma prima avete lavorato anche ad un altro film: Annibale

…Mah, questa storia di Annibale noi non la sapevamo, non ci conoscevamo nemmeno. Abbiamo girato separatamente le scene, non ci siamo mai incontrati sul set.
Il grande successo comunque è arrivato con i due Trinità…No, i soldi li aveva fatti anche Dio perdona, io no.In effetti questa è una cosa che non è mai stata presa in grossa considerazione. Noi siamo arrivati un po’ tardi nel western. Io ne avevo girati un po’ in Germania e vedevo che nel 1964, quando Leone girò Per un pugno di dollari, io avevo già perso il treno. Quando ci trovammo sul set di Dio perdona, io no, il genere in Italia aveva già stancato e il successo di quel film, che era comunque molto particolare, ci sorprese. Ma erano film fatti bene, diretti da registi bravi che giravano in velocità e con pochi soldi, e che vendevano molto bene all’estero. Il western in Italia era finito all’inizio degli anni Settanta e proprio allora arrivò Trinità. Ma anche in questo caso non possiamo prenderci il merito, non avevamo mica detto “Questo film lo facciamo più comico per superare questo momento di crisi”. Se abbiamo un merito è quello di avere apprezzato il copione e di avere chiesto di ampliare la parte di Bambino per potere lavorare ancora di più insieme.

Com’è avvenuto il passaggio dal western al vostro cinema successivo?

Dal desiderio di non ripetersi e oggi come oggi diciamo pure che è stato un peccato, perché Enzo Barboni, il regista di Trinità, aveva pensato a un titolo bellissimo: …e insistevano a chiamarlo Trinità. Ma all’epoca non c’era stato Stallone che aveva fatto 6 Rocky, quindi 2 sequel sembravano troppi. Cercammo allora un’ambientazione diversa e ce ne andammo in Colombia nei panni di due piloti a girare Più forte ragazzi.

I vostri nomi d’arte: come sono nati?

Terence->Il mio l’ho scelto da un elenco. Avevo solo poche ore per trovarmi un nome d’arte che suonasse americano. Mi hanno dato questa lista di nomi che suonavano bene.

Bud->Ho studiato lettere antiche, amo Terenzio, quindi…Nessuna lista per me! Avevo una bottiglia di Bud proprio davanti agli occhi, la mia birra preferita, è stata una cosa automatica. Poi Spencer Tracy è sempre stato il mio attore preferito, quindi è stato facile.Un tempo accadeva spesso che gli attori italiani venissero doppiati…All’inizio sì, venivamo doppiati, ma c’è una cosa importantissima da considerare, ovvero che tutti i nostri film venivano girati in inglese, perché già in fase di produzione erano venduti all’estero. Era buffo che nel resto del mondo tutti conoscevano le nostre vere voci ed in Italia no.Poi in quegli anni non ci si poneva neanche il problema: si faceva e basta. E noi abbiamo avuto la fortuna di avere due doppiatori eccellenti, Pino Locchi per me e Glauco Onorato per Bud. È un po’ come successe per Clint Eastwood nei film di Sergio Leone: la voce di Eastwood era completamente diversa da quella di Enrico Maria Salerno che però era uno dei migliori attori italiani, quindi il peso dell’interpretazione era decisamente diverso in questo modo.

I vostri film sono sempre stati un’alchimia perfetta, dalla collaborazione con Enzo Barboni alle musiche dei fratelli De Angelis, alle storie sempre divertenti. Come riuscivate a creare ogni anno un successo?

Nessuno lo sapeva, nemmeno gli sceneggiatori. Era tutto un automatismo perfetto. Abbiamo visto cose inaudite in tutta Europa; in Svezia, nonostante i sottotitoli, portavano via gli spettatori dal cinema con l’ambulanza per quanto ridevano!E poi voi siete ancora dei campioni d’incassi…Siamo meglio di Via col Vento! Variety ha fatto un calcolo degli incassi considerando il tasso d’inflazione e siamo ancora i migliori.

intervista a Terence Hill: "Terence Hill a cavallo in Aspromonte"


Terence Hill a cavallo in Aspromonte. L'attore illustra la sua esperienza nel ruolo inedito di pastore nella fiction di Raiuno "L'uomo che sognava con le aquile".

Che cosa l'ha affascinata del personaggio di Rocco?
Per la prima volta ho detto subito di sì a un'idea. Mi sono entusiasmato non appena ho letto la notizia di un pastore del Nord Europa cui fu proibito di produrre il formaggio, che vendette tutto per fare causa e alla fine ottenne il permesso.
"L'uomo che sognava con le aquile" è un ritorno di Terence Hill al western?
No, non volontario almeno. Mi piaceva recitare in una storia contemporanea, il western spero di essermelo lasciato alle spalle. Se poi è venuto fuori un personaggio che ricorda quel genere, va bene così. Le cose migliori sono quelle che vengono senza volerle. Nel film va molto a cavallo comunque... Sì, infatti ho chiesto un cavallo andaluso, sono i più belli, si muovono da soli e fanno fare bella figura all'attore...
Nella seconda puntata dà un bacio sulla scena a una donna... è stata la prima volta?
No, mi è capitato di dare baci nei miei film, ad esempio in "Lucky Luke" la mia fidanzata era la proprietaria del saloon... Il problema è che vengo identificato con Don Matteo: per questo si pensa che non abbia mai baciato una donna!
E' anche un film di amicizia?
Sì. È una favola realistica e, come nei film di Frank Capra, c'è anche l'amicizia. In questo caso è importante il rapporto con il bambino, che, grazie a Rocco, capisce che "anche le persone che sembrano cattive hanno un cuore dolce".
Come si è preparato per questo ruolo?
Tutti abbiamo radici e tradizioni, io ho vissuto in Umbria dopo la guerra, era difficile trovare da mangiare, mio padre dovette vendere un orologio, ricordo quanto valore avessero le cose genuine, ricordo quei profumi... Ho fatto anche un corso a Catanzaro per capire come si produce il formaggio.
Tornerebbe sulla scena insieme a Bud Spencer?
Con Bud Spencer potrei tornare, ma soltanto se trovassimo una storia adatta a quello che siamo noi oggi.

Febbraio 2006

Curiosità
Nato a Venezia il 29 marzo 1939 da madre tedesca, all'anagrafe è Mario Girotti. Viene notato per caso da Dino Risi e debutta nel cinema con "Vacanze con il gangster" nel 1951. Il suo successo è legato ai titoli "E poi lo chiamarono il Magnifico", Lo chiamavano Trinità, "Continuavano a chiamarlo Trinità", "Chi trova un amico trova un tesoro" , "Altrimenti ci arrabbiamo" e "Don Camillo".

Ha girato 19 film con Bud Spencer.

Da sei anni interpreta Don Matteo per Raiuno.Links

Nuova grafica del blog budterencefe.blogspot.com


Questa è la nuova e fiammante grafica che abbiamo voluto aggiungere al nostro blog. Grazie mille a tutti quelli che hanno visitato e visiteranno questo blog. Continuate a seguirci.

mercoledì 2 gennaio 2008

Altri video su Bud e Terence

Bud e Terence che si divertono con Pippo Baudo, tirandoselo "da uomo a uomo"

(by albynicha)

Breve parte del film: "Lo chiamavano Trinità"

Consigliamo la visione del film!!! Scaricatelo dalle reti p2p, consigliando di acquisire solamente files legali(eMule, DC ++, Bit Torrent...)!!!

(by albynicha)

martedì 1 gennaio 2008

Video su bud e terence




Picchia, picchia e se non hanno ancora capito picchia più forte!


(by albynicha)





Trinità cerca di salvare Bambino cambiando voce mammano che attraversa il coro...


(by albynicha)





La prossima volta che fai una festa privata invita anche Bud e Terence, ti conviene se ti interessa la vita. Se si arrabiano è difficile, anzi impossibile batterli.Tra i palloncini di una festa le botte e i pugni di Bud e Terence...


(by albynicha)


Questi sono solo


i nostri primi video, ma se


ci seguirete ne vedrete di cotte e di


crude con mitici Bud Spencer e Terence Hill